Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

Novità dall’europa. Oggi Neelie Kroes ha annunciato il progetto start up europe partnership

Sep. Il nuovo piano per le Start Up
Emanuela Negro-Ferrero

L’annuncio è di oggi: Neelie Kroes, Vice Presidente della Commissione Europea  eresponsabile per la Digital Agenda ha  annunciato ufficialmente  il progetto Startup Europe Partnership (Sep) sostenendo che “le Startup europee possono innovare e creare posti di lavoro come nessun altro e per questo motivo dobbiamo garantire loro una piattaforma per competere, trovare  finanziamenti e sfondare il soffitto di vetro che le separa dal successo”*.( Sole 24 ore 22 maggio 2014). Ma che cosa è Sep? Si tratta di una nuova piattaforma dedicata alla crescita delle Startp a livello UE. Il coordinamento è in mano a Mind The Bridge, società italo americana con sede in Italia e a San Francisco, la fondazione inglese per l’innovazione Nesta, la Cambridge University, l’università tedesca HIIG. Il compito è quello di aiutare le nuove imprese a crescere veramente e velocemente fornendo loro strumenti e strategie.  A Napoli, lo scorso 13 maggio, è andato in scena il primo evento di “matching” fra grandi multinazionali (Telefónica ed Orange, il gruppo bancario spagnolo Bbva e Telecom Italia) interessate ad azioni di scouting, procurement e seed investment ed è stata effettuata  una prima selezione di nove startup provenienti da tutta Europa (Italia compresa). Quante sono le Startup già attive? E dove si concentrano? Il primo Sep Report sul fenomeno dello “scaleup” in Europa riporta che  le nuove imprese che hanno raccolto oltre un milione di euro superano le mille unità , la concentrazione arriva per lo più dal Regno Unito  e l’Italia si attesta su di un 5%. Gli investitori arrivano per lo più da Germania e Inghilterra  mentre la tendenza vede il 57%  57% delle Startup di successo fondate dopo il 2010. Tendenza, quest’ultima, che suggerisce una positiva evoluzione dell’ecosistema europeo, in cui è già significativo il numero delle new company trasferitesi negli Usa. Questi dati, decisamente in controtendenza con quanto leggiamo sui giornali e ascoltiamo a radio e televisione mancano di una  notizia che ritengo fondamentale e che raramente viene diffusa. Il successo di una Start Up è determinato anche e soprattutto dal team che la compone. Che deve essere variegato, specializzato e competente. In pratica, lo staff deve possedere caratteristiche manageriali e di leadership che ne fanno percepire la differenza e rendono il progetto appetibile. Lavoro da manager, insomma.  Mi chiedo cosa ne pensate di questo fenomeno. Mi piacerebbe leggere i vostri commenti e considerazioni su questo fenomeno che è sempre più forte e che, a mio avviso, è il vero segnale di speranza.

Commenta

Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo Blog rispettando i criteri della nostra Netiquette.