Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

Federmanager e confindustria digitale avviano piano per rilancio del digitale

Federmanager e confindustria digitale avviano piano per rilancio del digitale
Redazione

Sostenere l’introduzione di figure di “innovation manager” nelle imprese, in particolare nelle PMI e start-up innovative, utili ad agevolare il percorso di crescita dimensionale, e aprire una fase sperimentale per favorire il matching tra imprese e professionalità qualificate come leva di competitività. Queste alcune delle proposte operative esito dell’incontro tra Federmanager e Confindustria Digitale, svoltosi ieri nella sede nazionale della Federazione dei manager.

«Per accelerare sul digitale bisogna investire in leadership ed execution», hanno spiegato il Presidente Federmanager, Stefano Cuzzilla, e il Presidente di Confindustria Digitale, Elio Catania. I Presidenti delle due Organizzazioni, alla presenza del dg Federmanager, Mario Cardoni, del responsabile Agenda Digitale Federmanager, Guelfo Tagliavini, e del responsabile Ufficio studi Confindustria Digitale, Roberto Triola, sono decisi a passare dalla denuncia alla proposta.

«Oggi avviamo una partnership virtuosa con Confindustria Digitale che si avvale dello scambio reciproco di informazioni e progetti, e che mira a inserirsi a pieno titolo nella definizione di un piano di politica industriale di cui l’Italia ha bisogno», ha dichiarato Cuzzilla.

L’83% delle imprese che hanno chiuso i battenti nel 2015 non aveva un sito web mentre nelle PMI il mancato investimento in innovazione tecnologica risulta tra le prime cause di liquidazione. A livello nazionale si stima che il ritardo sul digitale determini ogni anno una perdita complessiva di 2 punti di Pil e circa 800.000 posti di lavoro in meno.

«Per lo sviluppo digitale nel nostro Paese si deve fare una cosa essenziale: far incontrare imprese e skills manageriali», ha chiarito il Presidente Cuzzilla. «L’esercizio di una leadership innovativa è un elemento fondamentale per governare la cosiddetta Quarta rivoluzione industriale, che sta determinando anche nuovi assetti organizzativi nelle aziende e che richiede la creazione di nuovi profili professionali».

«Consideriamo l’innovation manager una figura chiave per il successo dei progetti e per il posizionamento competitivo delle nostre imprese nello scenario globale. Per questo – ha concluso – valutiamo con favore l’adozione di misure che incentivino fiscalmente l’immissione di competenze digitali in azienda, anche nella forma di voucher».

Commenta

Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo Blog rispettando i criteri della nostra Netiquette.