Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

2 Commenti

Adottiamo una città (smart)?

Adottiamo una città (smart)?
Renato Oscar Valentini

Jonh Fitzgerald Kennedy spronò i suoi concittadini con una frase che poi divenne un celebre aforisma: “non pensare a cosa la tua nazione può fare per te, pensa a cosa tu puoi fare per la tua nazione”.  Secondo te, carissimo lettore,  noi manager –  in questo momento di grande difficoltà per il nostro Paese, per il nostro sistema socio-economico –  stiamo cercando di seguire questo sano invito oppure, presi un po’ dallo sconforto di un sistema asfittico e in parte dai problemi “del nostro ombelico”, non stiamo invece trincerandoci sempre più nel “nostro orticello”? Forse sì, ma ben sappiamo quante competenze ed energie si celano all’interno di ognuno di noi, che abbiamo conquistato un ruolo di responsabilità con fatica, studio, sacrifici, competenze, merito. Come ho avuto modo di dire in altri interventi di questo blog, la tecnologia e l’innovazione potrebbero essere facilmente messi al servizio dei cittadini per creare quelle realtà chiamate “città intelligenti”. Sono già a disposizione, basta poco per indirizzarle in modo efficace ed efficiente, sfruttando anche sinergie e progetti già in itinere e portando soprattutto anche sviluppo, che è bene preziosissimo in questo delicato contesto. Il rischio, sottolineo ancora una volta, è sprecare energie in mille rivoli, per interessi miopi e poco produttivi. Noi, riprendendo lo stimolo che ho citato in avvio del grande e compianto presidente americano, non possiamo stare ai margini e (solo) osservare. Ti va di fare qualcosa di più? Dai commenti che ho ricevuto al primo post in cui chiedevo delle proposte ho avuto molti stimoli che mi fanno ben sperare. Proviamo allora a “contarci” e a trovare chi, al nostro interno, se la sente di mettere a disposizione in modo disinteressato un po’ del suo tempo e delle sue competenze per aiutare un sindaco illuminato a fare veramente “smart” la sua città? Potremmo creare una squadra di consulenti di alto livello e con esperienze variegate che vuole mettersi al servizio del nostro Paese, per poi trovare almeno una città piccola, media o grande che vuole fare con noi questa scommessa.  Adottiamo una città (smart), che ne dite? Fammi sapere, please…

Commenti

  1. Renato Oscar Valentini

    Grazie Guelfo, sia per il contenuto della risposta (ndr: d’accordissimo nell’evitare investimenti a pioggia e quindi potenzialmente inefficienti) che per la suggestione che spero sia raccolta da tanti colleghi. Vamos adelante! Renato

  2. guelfo tagliavini

    Caro Renato,dopo averne parlato con il Pres, della Federazione mi accingevo a lanciare l’iniziativa: FEDERMANAGER regala un progetto di Smart City. Il tuo contributo /appello è sicuramente funzionale al progetto.
    Insisto però sul fatto che un progetto di razionalizzazione e ottimizzazione dei servizi debba privilegiare le aree a più alto tasso di disagio sociale ; credo che non si debbano incentivare investimenti a pioggia che,stante la scarsa disponibilità di risorse, rischierebbero di alimentare una modalità fortemente campanilistica.
    E’ mia intenzione , raccogliendo con entusiasmo la tua proposta, coinvolgere in questa iniziativa il mondo accademico e quello industriale per elaborare un piano che contribuisca a definire uno standard applicabile alle comunità urbane ,replicabile e caratterizzato da criteri di interoperabilità.
    L’università di Roma Tor Vergata si è già resa disponibile a collaborare e spero che altri Atenei diano un qualificato contributo ; per quanto riguarda il comparto industriale non sarà difficile individuare “candidati”; starà a noi definire scelte e criteri funzionali agli obiettivi indicati.
    COMINCIAMO a GIOCARE :
    Apriamo da questo momento una UNITA’ di PROGETTO ; chi ritiene di poter dare un contributo si faccia avanti.Buon lavoro, Guelfo.

Commenta

Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo Blog rispettando i criteri della nostra Netiquette.