Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

21 novembre 2015. Alla Reggia di Venaria l’Italian Digital Day il punto del digitale nel nostro paese

21 novembre 2015. Alla Reggia di Venaria l’Italian Digital Day il punto del digitale nel nostro paese
Emanuela Negro-Ferrero

Un’intera giornata dedicata all’innovazione digitale. La sede prescelta per l’evento è la meravigliosa  galleria grande della Reggia di Venaria.  Un convegno in grande stile, ricco di contenuti interessanti e oratori di prestigio. A condurre il famoso giornalista Riccardo Luna. Luna è anche il promotore e coordinatore nazionale dei “digital champions” ambasciatori dell’innovazione istituiti dalla Comunità Europea e il suo  saluto di apertura è stato :” Voglio dirvi tre parole: Bravi, grazie, cambiamo tutto. Di nuovo» .

"Italian digital day' presso la reggia di VenariaEra prevista   una scaletta intensa e molto interessante. Perchè organizzare un “Italian Digital day?” . E perchè un invito solo per addetti ai lavori? Il motivo è semplice. E’ necessario raccontare tutto quello che è stato fatto dal 2013 al 2015, quando cioè è stato approvato il testo ufficiale del documento dell’Agenda Digitale Italiana, e illustrare quello che ancora è in divenire. “Nei prossimi due anni abbiamo da affrontare una grande sfida. Quella di portare l’Italia a fare l’Italia”. Conclude così il suo intervento il premier Matteo Renzi dopo che Paolo Barberis prima e Antonio Samaritani (nuovo Direttore Agid) dopo, hanno spiegato  con grande chiarezza le aree di intervento e illustrato gli interventi già attuati con dovizia di particolari. L’elenco è lungo. A partire da “Italia login”. Di che cosa si tratta? Provate a immaginare di poter pagare le tasse direttamente dal proprio smartphone. Oppure la mensa della scuola del figlio. Di accedere al proprio cassetto fiscale senza doversi recare dal commercialista o patire lunghe code o passaggi burocratici  estenuanti.

Nei prossimi due anni il lavoro è tutto focalizzato sul portare il maggior numero di azioni digitali alla portata dei cittadini. “Un metodo infallibile per combattere l’evasione fiscale” dice Renzi. Come?  Iniziando dalla dichiarazione precompilata, quella che è già operativa,  i servizi si allargheranno a tutti i settori. Dall’anagrafe unica con una sola base dati al collegamento fra istituti bancari e pubblica amministrazione con il risultato di facilitare  i pagamenti. Basta pensare che in questo modo   la conservazione delle ricevute che oggi tormentano ogni  cittadino italiano potrebbe diventare un pallido ricordo.  Altra novità in arrivo è la creazione di www.design.italia.it, il sito preposto alle linee guida per tutti i siti governativi italiani che dovranno così parlare una lingua unica per tutto il paese.

1448123656-italian-digital-day-at-the-reggia-of-venaria-reale-turin_9115756La giornata è volata via veloce. Mi sorge il dubbio, ma sono certa che le soluzioni siano già in atto,che intere fasce di popolazione rischiano seriamente  di essere tagliate fuori da questa rivoluzione digitale. Il digital divide  è un dato di fatto. Il gender digital divide ancora di più. Come il governo Renzi intenda affrontare queste due situazioni non mi è molto chiaro.  E’ notizia recente che a Torino si pagherà il parcheggio solo più con  il cellulare. Basterà scaricare una delle applicazioni indicate e..voilà? Ne siamo sicuri? Io non troppo. Ci dovremo tutti  adeguare perchè l’Italia, anche se non sembra, va avanti. Quella che mi sembra non vada affatto avanti è la questione banda larga. Il governo ha preso impegni per i prossimi due anni.  . Il premier Renzi ha fissato l’appuntamento al 17 novembre 2017. Sempre alla Venaria Reale verrà fatto un altro punto della situazione. Stay tuned.

Emanuela Negro-Ferrero

Commenta

Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo Blog rispettando i criteri della nostra Netiquette.