Image Image Image Image Image Image Image Image Image Image
Scroll to top

Top

Nessun commento

2014: i big dell’e-commerce in Borsa?

2014: i big dell’e-commerce in Borsa?
Mauro Ugolini

In una e-story di Greta Sclaunich sul Corriere della Sera, dal titolo “Il futuro dell’ecommerce passa dalla Cina” si legge: “Il settore cresce e i big non vogliono restare indietro”.

Globalmente, il fatturato mondiale dell’e-commerce dovrebbe superare i 1.000 miliardi di euro nel 2013 – con l’Europa, piuttosto attiva, a 305 miliardi di euro (e-commerce Europe, 2012), e l’Italia, assai “vivace”, a 11,2 miliardi di euro (Osservatorio e-commerce, 2013).

Il 2014 potrebbe essere però l’anno dello sbarco in Borsa dei big: la tedesca Zalando, e  soprattutto le cinesi Alibaba e JD.com.

Già, la Cina è il mercato di e-commerce più grande del mondo: secondo McKinsey, entro il 2015 potrebbe raggiungere i 395 miliardi di dollari…

Alibaba, lanciato nel 1999 da Jack Ma, controlla ‘80% del mercato cinese, con 700 milioni di utenti (e il 24% delle azioni in mano all’americana Yahoo!…): le quotazioni di una probabile Ipo sono … stratosferiche, circa 190 miliardi di dollari.

JD.com, fondato nel 1998 da Richard Liu Qindong e noto in precedenza come 360buy, è più piccolo (35,8 milioni di utenti, un fatturato di 8 miliardi di dollari nel 2013) ma, noto come “l’Amazon della Cina”, sta per chiudere alleanze importanti (Tencent, colosso cinese noto per il servizio WeChat, quasi 300 milioni di utenti) e ha già presentato alla Sec richiesta di Ipo da 1,5 miliardi di dollari.

In Europa è Zalando ad attrarre l’interesse degli investitori. Vende abbigliamento e scarpe, ha “solo” 13 milioni di utenti, fatturerà tra 1,5 – 1,7 miliardi di dollari nel 2013, grazie ad un ampio catalogo prodotti e all’espansione internazionale (14 paesi). E la sua valutazione potrebbe arrivare sino a 5 miliardi di dollari.

E intanto Amazon cosa fa? I colossi cinesi hanno numeri che fanno paura anche alla società di Jeff Bezos, in Borsa dal 1997, che reagisce con lo studio di prodotti in grado di aprire nuovi mercati e la sperimentazione di approcci innovativi (utilizzo di “droni” per le consegne).

Insomma, sembra proprio che le “manovre” in Borsa dei big dell’e-commerce ci terranno col fiato sospeso, nel 2014!…

(La e-story di Greta Sclaunich, con tutti i particolari, si trova al link: http://estory.corriere.it/2014/02/24/ecommerce-alibaba-jd-zalando-cina/)

Commenta

Gentile utente, ti ricordiamo che puoi manifestare liberamente la tua opinione all'interno di questo Blog rispettando i criteri della nostra Netiquette.